Cosa aspettarsi da un blog?

È da un po’ di tempo che assisto alla chiusura, o riapertura di blog che seguivo con grande affetto. L’ultima al mondo che può permettersi di dire anche solo “be’” sono io che ne ho chiusi ben tre, più un sito che ho odiato con tutte le mie forze.

Cosa succede? E perché? 

In merito all’argomento parlerò di me e di cosa mi è successo cammin facendo. All’inizio il mio entusiasmo era alle stelle. Commenti, stelline e cenni di presenza mi hanno regalato grandi emozioni. Con il passare del tempo però mi sono sentita ingoiata da una routine che non riusciva più a procurarmi alcuna emozione. Ho pensato di non essere all’altezza di questo enorme marchingegno e che la cosa migliore da fare era chiudere tutto e sparire. Poi… ed è lì che è avvenuta la magia, ho incominciato ad avvertire un senso nostalgico, quasi inspiegabile. Mi mancavano un sacco di cose, dalle parole gentili, ai post condivisi fino ad arrivare a “mancarmi”, io stessa. Postando ogni giorno qualcosa di me, in quell’assenza improvvisa, un pezzetto di me era vacante, come disperso in un silenzio che non riuscivo a digerire. È vero, qui si chiacchiera scrivendo ma è anche vero che in un certo qual modo si “diversamente” esiste. Fuori dai contesti che abitualmente riempiamo, qui siamo semplicemente ciò che proponiamo. 

Compreso l’errore, e mi ci è voluto tanto per capirlo, ho accettato l’idea che “faccio, dico, posto, racconto, confido” più per me stessa che per altri motivi o persone. È un compagno di viaggio trasparente che mi porto dietro, a volte con fierezza, a volte con compostezza, a volte con timidezza.

Ho smesso davvero di “volere” chissà che cosa da questo mezzo paradossalmente social. Social lo diventa poiché la condivisione, se vissuta come saggio nutrimento e maneggiata con le dovute cure, regala comunque piacevoli sensazioni e spesso accorre in aiuto se si ha la fortuna di incontrare belle persone. 

A me è successo così e credo che per un beeeeel po’ di tempo non mi accadrà più. Al contrario, sto imparando, almeno in piccola parte, il significato della parola “costanza”, cosa in cui ho sempre peccato malamente.  Credo sia in assoluto il mio peggior difetto (a casa mia me lo si dice spesso) e quindi ho deciso di utilizzare il mezzo da diabolico a angelico, anche per dedicarmi al concetto di “costanza.”

Serve a me per migliorare, per dire e non tenere sempre tutto chiuso dentro a doppia mandata. Poi ci sono le variabili dei giorni. Giorni su, e giorni giù, ma così è la vita e di certo non posso fare miracoli e trasformare tutto in “su.” 

E quando seguo un blog che poi chiude… mi rattristo. Ma si sa, anche qui, come nella vita!🖤🖤🖤

Annunci

33 Replies to “Cosa aspettarsi da un blog?”

  1. Anche a me dispiace molto quando un blog che seguo, e col quale ci siamo scambiati commenti, impressioni, a volte anche confidenze, chiude… rimane un senso di vuoto, come quando si perde un amico “reale”… se vado a vedere la storia dei blog seguiti, più della metà o ha chiuso o non pubblica da un’eternità… una realtà virtuale ed anche effimera. Che poi, con quanti altri blogger veramente si instaura un rapporto? Concordo con te, a volte viene voglia di mollare, spesso perché si ha la sensazione di scrivere per se stessi e basta, e poi per l’impegno comunque che richiede… da parte mia mi sono dato questa regola: se ho qualcosa da scrivere che mi pare interessante la scrivo, se no lascio stare. Cerco di farlo almeno una volta la settimana, per non perdere la mano, ma se non ci riesco… pazienza! buona giornata!

    Liked by 1 persona

  2. Non sono uno che tiene chiuse le sue cose, ho ricevuto un’educazione senza taboo.

    Il mio primo blog fu di storia/politica e fece un discreto successo, assieme poi ad altri argomenti che rispecchiano un po’ il mio essere. Mi so reso conto comunque che è una realtà che non mi ha dato nulla. Mi da molto di più il reale (lavoro, palestra, ecc…) 😀

    Mi piacerebbe aprire un blog di cucina ma ho altre priorità ecco 😀

    Liked by 1 persona

  3. Anch’io mi rattristo, se perdo qualche blog che seguivo.
    A volte però sono tentata di farlo anch’io, non tanto per aver perso il piacere di condividere, ma per la sempre crescente difficoltà che incontro con WordPress nel leggere le pagine dei miei amici, che mi vengono caricate con molta difficoltà, se non mi causano il blocco del computer. …anzi, se qualcuno avesse dei suggerimenti…

    Mi piace

  4. Anch’io ho avuto tentennamenti come te, Paola! E la voglia di chiudere tutto. Invece bisogna prendere queste cose come vengono, abbassiamo le ansie 😀 e non sentiamoci obbligati a fare le cose… liberi di essere come ci sentiamo dentro 😀

    Liked by 2 people

  5. Questo post è – pieno -, e utilissimo… – dice tante cose-, anche – sotto banco -, la tua condivisione è fondamentale, per chiunque di noi, abbia intrapreso questa scelta, senza capire bene da dove partire, oppure dove andare. E’ bello, quello che scrivi, che alla fine, si posta anche e prima di tutto per noi stessi, e in questo, ci arriva molto di più, di quello che potremmo aspettarci, e quando qualche nostro – amico di blog – ci saluta, – o parte -, la nostalgia e la mancanza si fanno sentire, sono vive e reali proprio come lo sarebbero nella vita di tutti i giorni.
    Ti auguro una buona giornata.
    Ben.
    (p.s. di questa -busta da lettere ne vogliamo parlare? com’era bella la posta… mi riporta alla mia infanzia, agli amici di penna in tutta Italia e in Europa… che bei ricordi…)

    Liked by 2 people

  6. I tuoi pensieri, sempre garbati.
    Le tue riflessioni ad “ alta voce”.
    I tuoi noir.
    I tuoi racconti.
    Guai a te. Se vorrai chiudere. Ok. Ci sto.
    Ma con più Pit Stop, breve.
    Mi raccomando😉
    Sei per me, come il latte col Nesquik : irrinunciabile.
    ❤️❤️❤️

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...